Ricerca Corsi

Linee guida per il buon uso del sangue e degli emoderivati: plasma, piastrine e albumina

Date e luoghi: 

La risorsa “sangue” è limitata e preziosa. Rappresenta la materia principale della medicina trasfusionale, che si basa essenzialmente sull’infusione del sangue, dei suoi componenti e dei suoi derivati a scopo terapeutico secondo regole di appropriatezza e linee guida ben definite. La donazione e, quindi, il sangue e i suoi componenti sono una risorsa esauribile, deperibile e costosa e nel contempo rappresentano un presidio terapeutico insostituibile per la medicina trasfusionale, non esente da rischi. Dopo la raccolta, il sangue intero diventa facilmente deperibile, per cui deve essere tempestivamente lavorato secondo determinate procedure operative nel rispetto delle normative vigenti, per ottenere la separazione dei suoi componenti. Per ridurre i rischi ed evitare carenze, il sangue va utilizzato solo quando esiste precisa indicazione clinica e ricorrendo all’emocomponente specifico al fabbisogno del paziente. Il sangue intero e gli emocomponenti diventano “salvavita” per il paziente ricevente, ma necessitano di ulteriori controlli di sicurezza da effettuarsi al letto del paziente, al fine di trasfonderlo nelle migliori condizioni igienico/sanitarie e di compatibilità possibili.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di approfondire le conoscenze del personale sanitario sulla corretta gestione del sangue e degli emoderivati e di aggiornare gli operatori sulla responsabilità penale/personale derivante dagli errori effettuati durante le varie fasi del processo di gestione degli emoderivati.

Programma: 

Presentazione linee guida regionali
Gestione interna degli emoderivati (con simulazioni tramite modulistica apposita)
Procedura di identificazione degli anticorpi in TS (sacche omologhe)
La responsabilità trasfusionale
Test di apprendimento

Destinatari: 

Tutte le professioni sanitarie

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00