Ricerca Corsi

Clinica - Prevenzione - Emergenza

Area Clinica, della Prevenzione e delle Emergenze

Le attese di chi accede al pronto soccorso a volte sono specifiche e chiaramente espresse, ma a volte sono
aspecifiche e non sempre chiaramente espresse.
Questo accoglimento, in pronto soccorso, viene definito TRIAGE, uno dei momenti più importanti e delicati in cui sono impegnati gli Infermieri di Pronto Soccorso.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di trasmettere conoscenze relative a:
- tecniche, modelli, definizioni, indicazioni che possono consentire agli Infermieri di Pronto soccorso di apprendere le basi per l’avvio della funzione di Triage, tenendo conto della loro realtà operativa ma evitando di discostarsi eccessivamente da quelle che sono le linee guida universali del TRIAGE in urgenza ed emergenza.

Programma: 

Programma I giornata

Introduzione e obiettivi del corso
TRIAGE: definizioni, cenni storici, finalità dell’attività di TRIAGE.
Uso e abuso dei servizi di Pronto Soccorso e dell’urgenza in genere.
Le dimensioni del problema oggi e le possibili soluzioni.
Il Triage in Italia e nel resto del Mondo.
Gli strumenti operativi del Triage: Triage – Gravità – Priorità: l’Indice di severità della gravità – ESI© N.O.E.
Il linguaggio dei codici di gravità: le diverse tipologie di codifica per selezionare emergenze-urgenze-non urgenze: meglio 4 o 5 livelli?
Tecniche di comunicazione in sanità: sapere comunicare e relazionarsi con l’utente
Progettare, costruire, svolgere e valutare l’attività di triage
I parametri vitali e la scheda di triage.
Strumenti operativi: chi deve fare cosa
Requisiti minimi per svolgere l’attività di triage in pronto soccorso
La gestione del rischio durante l’attività di triage: aspetti medico-legali applicati alla pratica di triage.
Le responsabilità giuridiche (non condivisibili) dell’infermiere di triage.
Triage Assessment Guidelines: la valutazione di triage – la decisione di triage la rivalutazione di triage. Fast Track area.
Esercitazione di gruppo: definire il significato di ogni codice di gravità e come identificarlo clinicamente
La violenza sulle donne: un problema vecchio ma nuovo e complesso.
Il triage infermieristico avanzato nel paziente pediatrico
Esercitazione sulla gestione di alcune importanti emergenze nel bambino
Abuso e maltrattamento sui minori: aspetti caratteristici e linee guida per il riconoscimento
Parametri, segni vitali e scale di valutazione delle urgenze pediatriche
Esercitazione a piccoli gruppi su casi simulati
Chiusura della prima giornata

Programma II giornata

Adult triage protocols nelle maggiori urgenze/emergenze di Pronto Soccorso
Esercitazione di gruppo sulla gestione delle priorità a parità di codice di gravità: indicatori di severità della gravità
Advanced Triage nel paziente con dolore toracico e aritmie
Esercitazioni su casi clinici sul DT non traumatico
Advanced Triage nelle maggiori urgenze-emergenze neurologiche, non traumatiche e traumatiche
Esercitazioni con simulazioni di casi clinici sulle u/e neurologiche
Advanced Triage nelle urgenze/emergenze gastrointestinali e nel dolore addominale acuto
Esercitazioni con simulazioni di casi clinici
Advanced Triage nelle urgenze/emergenze ginecologicheostetriche: il problema della violenza sulle donne.
Advanced Triage nel paziente agitato-psichiatrico e gestione dei conflitti in genere
Esercitazioni con simulazioni di casi clinici
Advanced Triage nel paziente politraumatizzato-policontuso 
Esercitazioni con simulazioni di casi clinici
Pediatric Triage Management
Esercitazioni di gruppo e simulazioni
Prova pratica: esercizi/simulazioni sulla gestione in area di Triage delle Urgenze/Emergenze nel paziente adulto e pediatrico
Test ECM
Chiusura del corso

Destinatari: 

Infermieri

Durata: 

14 ore

Quota di iscrizione: 

350,00

La ventilazione meccanica invasiva o ventilazione meccanica convenzionale consiste nel ventilare i polmoni tramite apparecchiature elettromedicali di supporto alle vie aeree. È un ausilio necessario alla gestione di pazienti con gravi insufficienze respiratorie ed è molto efficace e affidabile come supporto alla ventilazione

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• aggiornare il personale sanitario alla gestione del ventilatore meccanico
• fornire le indicazioni per una corretta tracheostomia percutanea
• far acquisire la conoscenza delle principali complicanze a breve, medio e lungo termine della tracheotomia per una migliore gestione del paziente tracheostomizzato

Programma: 

• L’utilizzo del ventilatore e gestione del paziente intubato
• Evoluzione della tracheotomia e indicazioni
• Le tecniche di tracheostomia percutanea
• Le principali complicanze a breve, medio e lungo termine della tracheostomia
• La gestione del paziente tracheostomizzato a breve e lungo termine
• Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Medici
Infermieri

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00

Il corso si propone di fornire al personale sanitario nozioni sulle conoscenze fisiopatologiche che stanno alla base del dolore cronico sia benigno sia oncologico e sul suo inquadramento nosologico. Verranno illustrati i principali quadri clinici e le nuove terapie farmacologiche.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• illustrare la fisiopatologia del dolore cronico
• far acquisire le conoscenze teoriche per la gestione del paziente portatore di dolore cronico sia benigno sia oncologico
• illustrare i principali quadri morbosi
• fornire competenze in merito a farmacologia e terapia

Programma: 

• Fisiopatologia del dolore cronico
• Conoscenze teoriche per la gestione del paziente portatore di dolore cronico sia benigno sia oncologico
• Principali quadri morbosi
• Farmacologia e terapia
• Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Medici
Infermieri

Durata: 

4

Quota di iscrizione: 

50,00

Il corso si propone di fornire al personale sanitario nozioni sulle conoscenze fisiopatologiche che stanno alla base del dolore cronico sia benigno sia oncologico e sul suo inquadramento nosologico. Verranno illustrati i principali quadri clinici e le nuove terapie farmacologiche.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• illustrare la fisiopatologia del dolore cronico
• far acquisire le conoscenze teoriche per la gestione del paziente portatore di dolore cronico sia benigno sia oncologico
• illustrare i principali quadri morbosi
• fornire competenze in merito a farmacologia e terapia

Programma: 

• Fisiopatologia del dolore cronico
• Conoscenze teoriche per la gestione del paziente portatore di dolore cronico sia benigno sia oncologico
• Principali quadri morbosi
• Farmacologia e terapia
• Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Medici
Infermieri

Durata: 

4

Quota di iscrizione: 

50,00

Il corso si propone di affrontare i principi fisiopatologici dell’emodinamica cardiovascolare e approfondire la conoscenza e l’applicazione clinica dei principali strumenti di monitoraggio emodinamico al paziente. Verranno illustrate le implicazioni cliniche e terapeutiche dei principali quadri morbosi. Monitorare non significa soltanto “attaccare” un paziente a una macchina per visualizzarne i parametri vitali, ma si intende mettere in atto una serie di azioni che hanno come fine ultimo quello di valutare il paziente nel suo insieme.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• addestrare alla corretta esecuzione dei principali sistemi di monitoraggio
• far acquisire le conoscenze teoriche del monitoraggio emodinamico
• far comprendere le indicazioni al monitoraggio
• far conoscere i principali quadri clinici emodinamici

Programma: 

• Note di fisiopatologia cardiovascolare
• Tecniche di monitoraggio - catetere di Swan Ganz e sue applicazioni
• Principali quadri morbosi di rilevanza emodinamica:
- shock
- shock settico
- sindrome da bassa portata
- cardiopatia ischemica
- cardiopatia valvolare
- cardiomiopatia ostruttiva
- cardiomiopatia dilatativa
•Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Medici
Infermieri

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00

Il concetto di ventilazione meccanica non invasiva (NIV) si riferisce alla capacità di fornire un supporto ventilatorio attraverso le vie aeree superiori del paziente, utilizzando maschere o altri devices. La tecnica si distingue da quelle che bypassano le vie aeree, attraverso il posizionamento di un tubo tracheale, maschera laringea, o tracheotomia e che, pertanto, sono considerate invasive.

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di:
• fornire conoscenze sulla gestione della ventilazione meccanica non invasiva, le sue indicazioni e controindicazioni e il trattamento delle complicanze.

Programma: 

• Riconoscimento dei segni e sintomi dell’Insufficienza Respiratoria Acuta
• Posizionamento del paziente
• CPAP - BIPAP: funzioni e posizionamento
• Controllo dei parametri vitali durante la ventilazione
• Gestione igienica dei dispositivi medici e delle attrezzature utilizzate per la ventilazione: utilizzo della valvola di Boussignac
• Assistenza infermieristica al paziente con insufficienza respiratoria
• Discussione e compilazione questionario

Destinatari: 

Medici
Infermieri

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00

I gas medicinali sono prodotti medicinali rientranti nell'ambito delle norme farmaceutiche e pertanto soggetti alle procedure di approvvigionamento e di qualità dei prodotti medicinali (standard di purezza previsti dalle Monografie della Farmacopea Ufficiale).

Obiettivi Formativi: 

Apprendere il corretto utilizzo delle fonti gas medicinali (ossigeno, aria compressa, protossido di azoto , aspirazione endocavitaria) e dell’evacuazione gas anestetici.
Comprendere le sorgenti gas medicinali e le tipologie di distribuzione ed erogazione al paziente, in quanto dispositivi medici presenti in tutte le strutture sanitarie.
Saper attuare procedure conformi alle normative per assicurare continua disponibilità di questi prodotti medicinali tramite impianti di distribuzione o bombole.

Programma: 

1 Inquadramento generale
2 Tipi di gas medicinali
3 Descrizione impianti gas medicinali e vuoto e sistema di
evacuazione gas anestetici
4 Utilizzo dei gas e dispositivi medici
5 Alimentazioni di emergenza dei reparti
6 Movimentazione delle bombole
7 Misure di contenimento dei rischi
8 Attività di gestione operativa

Destinatari: 

Manutentori

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

100,00

Nell’ambito della prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali, la sterilizzazione dei dispositivi
medici è un elemento cardine dei programmi di controllo, tanto che la politica sanitaria deve mirare all’ottimizzazione delle risorse disponibili al fine di garantire il miglioramento continuo della qualità.
Per sterilizzazione si intende qualsiasi processo, fisico o chimico, che porta alla distruzione di tutte le forme di

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di approfondire le seguenti tematiche:
- Conoscenze delle metodologie di sterilizzazione
- Definizione dei percorsi procedurali
- Individuazione dei processi da adottare per il trattamento dei Dispositivi Medici

Programma: 

- Aspetti normativi
- Concetti di Monouso e pluriuso
- Definizioni e terminologie
- Metodi di sterilizzazione (vapore, gas plasma, acido peracetico)
- Dalla decontaminazione alla sterilizzazione
- La tracciabilità dei processi
- Le procedure, i protocolli, le istruzioni operative per il personale addetto alla sterilizzazione dei DM
- La responsabilità, ruoli e compiti del personale che si occupa di sterilizzazione

Destinatari: 

Tutte le professioni sanitarie

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00

Nell’ambito della prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali, la sterilizzazione dei dispositivi
medici è un elemento cardine dei programmi di controllo, tanto che la politica sanitaria deve mirare all’ottimizzazione delle risorse disponibili al fine di garantire il miglioramento continuo della qualità.
Per sterilizzazione si intende qualsiasi processo, fisico o chimico, che porta alla distruzione di tutte le forme di

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di approfondire le seguenti tematiche:
- Conoscenze delle metodologie di sterilizzazione
- Definizione dei percorsi procedurali
- Individuazione dei processi da adottare per il trattamento dei Dispositivi Medici

Programma: 

- Aspetti normativi
- Concetti di Monouso e pluriuso
- Definizioni e terminologie
- Metodi di sterilizzazione (vapore, gas plasma, acido peracetico)
- Dalla decontaminazione alla sterilizzazione
- La tracciabilità dei processi
- Le procedure, i protocolli, le istruzioni operative per il personale addetto alla sterilizzazione dei DM
- La responsabilità, ruoli e compiti del personale che si occupa di sterilizzazione

Destinatari: 

Tutte le professioni sanitarie

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00

Nell’ambito della prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali, la sterilizzazione dei dispositivi
medici è un elemento cardine dei programmi di controllo, tanto che la politica sanitaria deve mirare all’ottimizzazione delle risorse disponibili al fine di garantire il miglioramento continuo della qualità.
Per sterilizzazione si intende qualsiasi processo, fisico o chimico, che porta alla distruzione di tutte le forme di

Obiettivi Formativi: 

Il corso si propone di approfondire le seguenti tematiche:
- Conoscenze delle metodologie di sterilizzazione
- Definizione dei percorsi procedurali
- Individuazione dei processi da adottare per il trattamento dei Dispositivi Medici

Programma: 

- Aspetti normativi
- Concetti di Monouso e pluriuso
- Definizioni e terminologie
- Metodi di sterilizzazione (vapore, gas plasma, acido peracetico)
- Dalla decontaminazione alla sterilizzazione
- La tracciabilità dei processi
- Le procedure, i protocolli, le istruzioni operative per il personale addetto alla sterilizzazione dei DM
- La responsabilità, ruoli e compiti del personale che si occupa di sterilizzazione

Destinatari: 

Tutte le professioni sanitarie

Durata: 

4 ore

Quota di iscrizione: 

50,00

Condividi contenuti